fbpx

Stefano chiede a Martina lo stop al trasferimento delle autorizzazioni di impianto tra regioni

Stefano chiede a Martina lo stop al trasferimento delle autorizzazioni di impianto tra regioni

di Fabio Ciarla

La paura è per il Sud e per quelle regioni, come il Lazio, dove la crisi del settore e il ricambio generazionale hanno lasciato più margini all’abbandono dei vigneti.

Il rischio è che, se si consentirà ancora il passaggio delle autorizzazioni di impianto da Regione a Regione, continui il flusso che tende a concentrare al centro-nord l’intera produzione vitivinicola italiana.

Per questo il senatore Dario Stefano ha scritto al Ministro dell’Agricoltura Martina affinché ponga immediatamente lo stop a questa pratica, che in passato con il sistema dei diritti di impianto ha generato un vero e proprio traffico a suon di migliaia di euro per ettaro.

La campagna 2016, la prima con il sistema delle autorizzazioni che hanno soppiantato appunto i diritti di impianto, ha dimostrato una necessità di riorganizzazione non più rinviabile.

Dei 60.000 ettari richiesti ne sono stati autorizzati infatti solo 6.000, l’1% della superficie nazionale (stessa quota prevista per il 2017), e per non frenare un settore che potrebbe crescere è necessario mettere le mani sulle regole generali.

Al momento il sistema delle DOC e DOCG frena già lo scambio, possibile invece in alcune IGT a patto che l’azienda sia la stessa.

Stefano però vorrebbe che l’azienda possa sì trasferire gli impianti in diversi terreni di sua proprietà, ma nell’ambito dello stesso territorio.

Il concetto è corretto e condivisibile, speriamo si possa arrivare ad una legislazione che tuteli e permetta comunque lo sviluppo.

Condividi questa News

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su reddit
Condividi su whatsapp
Condividi su tumblr
Condividi su pinterest
Condividi su email

ECONOMIA&FINANZA

MONDO AGRICOLO

OCM/PSR/PAC

Categorie