fbpx

Manca il miele, il rischio della morìa delle api

Manca il miele, il rischio della morìa delle api

La siccità non sta creando problemi solo all’ortofrutta in senso stretto, a quanto pare sarà un anno difficilissimo anche per il miele e le api in genere.
 
Un problema che va oltre il prodotto finale, essendo questi insetti tra i primi indicatori della salubrità delle nostre campagne.
 
L’Unaapi stima una produzione per il 2017 in ulteriore calo rispetto al 2016:
 
Le api, impazzite per il clima – spiegano gli allevatori – non solo non producono miele (fino a -80% produzione 2017), ma non riescono più a fornire il servizio di impollinazione all’agricoltura. 
 
Le cause sono, come per l’ortofrutta, da ricercare nell’effetto combinato di siccità estiva e gelate primaverili.
 
Ad impensierire i produttori ci si sono messi anche gli incendi di queste settimane, che uccidono api e desertificano immense porzioni di ambienti idonei alla loro crescita.
 
Se la produzione fosse solo dimezzata – conclude Giuseppe Cefalo, presidente Unaapi – come nel 2016 potremmo essere contenti. Il disastro è totale e nessuno poteva immaginare di arrivare a meno di 1/3 del raccolto nel 2017.
 
Secondo le stime degli apicoltori, non si arriverà a 90mila quintali di miele su una media di 230mila.
 
In Italia, gli apicoltori censiti sono 45mila e di questi 20mila detengono l’80% del patrimonio apistico nazionale, pari a 1,2 milioni di alveari.

Condividi questa News

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su reddit
Condividi su whatsapp
Condividi su tumblr
Condividi su pinterest
Condividi su email

ECONOMIA&FINANZA

MONDO AGRICOLO

OCM/PSR/PAC

Categorie