fbpx

ll comparto caseario tiene botta, e riparte

ll comparto caseario tiene botta, e riparte

La crescita dei costi di produzione è l’unico neo che spaventa i risultati del comparto caseario, il quale ha mostrato grandi capacità di resilienza nel sopportare le straordinarietà dell’emergenza Covid ed è già proiettato in un futuro prossimo di espansione.

Nel 2020 sono state 463 000 le tonnellate di formaggi e latticini venduti, un aumento rispetto al 2019 dell’1,7%, mentre il controvalore è calato del 3%; numeri che dimostrano come gli scossoni recenti non abbiano colpito il settore in maniera severa.

E i dati del primo semestre del 2021 sottolineano un caseario nazionale lanciato sul mercato estero: sia la quantità (+11%) che il valore (+13%) sono cresciuti in maniera rilevante rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Fonte: Ismea

Condividi questa News

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su reddit
Condividi su whatsapp
Condividi su tumblr
Condividi su pinterest
Condividi su email

ECONOMIA&FINANZA

MONDO AGRICOLO

OCM/PSR/PAC

Categorie