fbpx

Abolizione voucher, agricoltura e vitivinicoltura le più penalizzate

Abolizione voucher, agricoltura e vitivinicoltura le più penalizzate

di Fabio Ciarla

Il cedimento completo, senza se e senza ma, del Governo alle istanze dei proponenti il referendum per l’abolizione dei voucher lavoro ha messo in difficoltà in particolare l’agricoltura, soprattutto nel settore vitivinicolo.

I voucher erano stati introdotti proprio in vendemmia, nel 2008, e si proponevano come un mezzo semplice e veloce per regolarizzare alcune prestazioni lavorative facendo emergere lavoro nero e rimpinguando le casse previdenziali.

Alcuni settori, però, hanno approfittato delle maglie larghe dello strumento decretandone lo snaturamento, non così per in agricoltura dove l’utilizzo era ultimamente stato ristretto a pensionati, studenti durante i periodi di vacanza e categorie deboli (disoccupati e cassa integrati).

Una operatività di nicchia ma mirata, molto utile per quelle piccole aziende che in brevi periodi dell’anno possono avere bisogno di un supporto e che, con tutta probabilità, torneranno ora a pagare in nero i lavoratori, con tutti i rischi che ne conseguono.

Il mondo dell’enologia e della viticoltura nazionale – in particolare quello delle piccole aziende che è al 90% quello laziale – sta ancora scontando l’entrata in vigore del Registro Telematico, con un aggravio notevole dal punto di vista burocratico, non è da escludere che l’eliminazione dei voucher possa contribuire alla chiusura di qualche altra azienda visto l’appesantimento delle pratiche richieste per andare avanti.

 

Condividi questa News

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su reddit
Condividi su whatsapp
Condividi su tumblr
Condividi su pinterest
Condividi su email

ECONOMIA&FINANZA

MONDO AGRICOLO

OCM/PSR/PAC

Categorie