fbpx

Microonde e ultrasuoni, la rivoluzione dell’estrazione dell’olio d’oliva è cominciata

Microonde e ultrasuoni, la rivoluzione dell’estrazione dell’olio d’oliva è cominciata

L’innovazione non si arresta e, anzi, potrebbe diventare un importante forma di sviluppo per il settore olivicolo.

Le novità sono state presentate a Trieste all’11° Salone degli oli extravergini tipici di qualità – Olio Capitale 2017, e hanno evidenziato come si possano teoricamente sfruttare le microonde e gli ultrasuoni per una nuova e migliore (si spera) estrazione dell’olio.

La fase di sperimentazione è già ad un livello avanzato, essendo anche stato costruito un primo prototipo, anzi di due prototipi a microonde e ultrasuoni per il condizionamento continuo di paste di olive.

La tecnologia ha due origini, uno dei prototipi infatti è tricolore ed è stato realizzato dalla EMITECH di Corato mentre il secondo arriva dall’Australia.

A metterli alla prova è stato l’oleificio AGROLIO di Andria, dove sono in corso le sperimentazioni dei vari cicli possibili, in particolare combinando le due tecniche.

Notevoli i risparmi di tempo e la semplificazione degli impianti, sulla carta positivi anche le innovazioni di processo a livello qualitativo, testimoniate anche dalla produzione di olii privi di difetti e con buone componenti organolettiche.

La strada sembra aperta a un rinnovamento importante dei sistemi di estrazione, anche se rimane ancora da definire nei dettagli la qualità degli olii così prodotti e quanto costerà industrializzare la produzione degli impianti.

Condividi questa News

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su reddit
Condividi su whatsapp
Condividi su tumblr
Condividi su pinterest
Condividi su email

ECONOMIA&FINANZA

MONDO AGRICOLO

OCM/PSR/PAC

Categorie