fbpx

Il vino alla prova dell’ecommerce, anche nel Lazio

Il vino alla prova dell’ecommerce, anche nel Lazio

di Fabio Ciarla

Il mondo delle vendite online è ormai consolidato in diversi settori, stenta praticamente solo nell’agroalimentare e il Lazio in questo non fa eccezione.

I motivi ovviamente sono molteplici, primo fra tutti probabilmente le difficoltà e i rischi del trasporto, tuttavia gli analisti della materia sono quasi unanimemente convinti che anche cibo e vino, a breve, si venderanno in grandi quantità online.

Per quanto riguarda l’ortofrutta esistono già esperimenti di vendite “a pacchetto” a data fissa, con l’arrivo a casa di un mix stagionale consegnato direttamente dal produttore a casa.

Per il vino, invece, la situazione si fa più complicata, essendo un tipo di consumo decisamente meno costante e con una varietà di scelte potenzialmente infinita.

Gli ecommerce più grandi riescono a fare numeri che consentono loro di generare profitti, mentre le singole aziende – a meno che non si tratti di “big” del settore – non possono permettersi una rivendita online personalizzata.

La soluzione potrebbero quindi essere delle forme di aggregazione, di territorio o di tipologia di vino, andando magari ad inserirsi anche nel B2B.

Per ora comunque si tratta di una nicchia, piccola e decisamente minoritaria per le cantine del Lazio, che non vedono giustamente in questo canale la soluzione ai loro problemi.

Condividi questa News

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su reddit
Condividi su whatsapp
Condividi su tumblr
Condividi su pinterest
Condividi su email

ECONOMIA&FINANZA

MONDO AGRICOLO

OCM/PSR/PAC

Categorie