fbpx

UNASCO: annata difficile, per l’olio EVO italiano

UNASCO: annata difficile, per l’olio EVO italiano

Parla addirittura di campagna “memorabile”, almeno per quanto riguarda la qualità, il presidente di UNASCO Luigi Canino in merito alla raccolta olivicola che sta iniziando in queste settimane.

UNASCO è il consorzio nazionale dei coltivatori e produttori olivicoli e raccoglie quasi 200.000 produttori, una realtà quindi in grado di rappresentare una stima molto attendibile della produzione nazionale. 

Sarà un’annata con una qualità di olio davvero significativa, seppur ancora con una quantità di prodotto non sufficiente nemmeno a coprire il fabbisogno interno. – ha affermato Luigi Canino – Atteso che la produzione media italiana si attesta sulle 400.000 tonnellate e che lo scorso anno abbiamo avuto un annus horribilis con un raccolto di appena 160.000 tonnellate, la campagna 2017 dovrebbe attestarsi sulle 230.000 tonnellate, che hanno già acceso gli appetiti dei compratori internazionali. Quest’anno le condizioni climatiche con temperature ben sopra la media e la forte siccità che ha messo a repentaglio il raccolto, hanno però fortemente limitato le aggressioni da parte della mosca dell’olivo. I produttori sono stati messi a dura prova, dalla siccità prima e dalla grandine poi, ma la pioggia ha nell’ultima settimana rappresentato una nota fortemente positiva per il prodotto rimasto sugli alberi. Se permane questo stato di cose – prosegue il Presidente UNASCO – potremo rispondere con un olio di qualità eccellente alla grande attesa che sta montando da parte di buyers, industria e consumatori, dentro e fuori i confini italiani.

Condividi questa News

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su reddit
Condividi su whatsapp
Condividi su tumblr
Condividi su pinterest
Condividi su email

ECONOMIA&FINANZA

MONDO AGRICOLO

OCM/PSR/PAC

Categorie