fbpx

Carnevale o Festa della Radeca il 13 Febbraio a Frosinone

Carnevale o Festa della Radeca il 13 Febbraio a Frosinone

A partire dal 13 febbraio, nelle piazze e nei vicoli della Ciociaria, si assisterà a festose sfilate di carri allegorici, all’insegna della tradizione, della musica e del buon cibo. 

Lo storico Carnevale di Frosinone o “Festa della Radeca”, ricorrenza dalle radici antiche, avrà luogo il 13 febbraio

L’evento celebra l’eroica rivolta dei Frusinati, avvenuta a fine settecento contro le truppe d’occupazione francesi, in cui risalta la figura del generale Franco Championnet.

La sfilata inizierà alle ore 14:00 di martedì grasso, dopo aver gustato un piatto tipico della cucina ciociara: il maccarune.

Conosciuti anche come “fini fini”, i maccarune vengono preparati con una delle ricette più antiche di tutto il Lazio meridionale, una tradizione che si tramanda di madre in figlia da secoli e di cui si hanno le prime notizie già agli inizi del 500. 

E’ una sfoglia classica fatta di farina e uova, la cui caratteristica risiede nel taglio sottile.

Quest’ultimo è conferito dall’utilizzo della “chitarra”, una tavola di legno con diversi fili di ferro ben tirati.

Come da tradizione, la sfoglia si adagia sopra lo strumento e con il mattarello, attraverso una pressione rotatoria, se ne ottiene il taglio.

Nella loro preparazione tradizionale si condiscono con il classico ragù ciociaro, fatto con gli scarti del pollo (rigaje) e insaporito in un battuto di lardo o grasso di prosciutto, aglio e prezzemolo.

Infine il piatto viene servito con il pecorino locale. Nella stagione estiva il condimento si alleggerisce e al ragù si aggiunge semplicemente del pomodoro e del basilico. 

Alle ineguagliabili fettuccine locali, accompagnate da canti popolari come “La canzone de Carnuale” e da danze tipiche, si aggiungono fiumi di vino rosso.

Quest’ultimo è un altro fiore all’occhiello del territorio Ciociaro.

Sui terreni argillosi sono coltivati vitigni di antichissime origini cui furono affiancati, a partire da metà ‘700, vitigni nuovi, tra cui quelli importati dalla Francia come Cabernet e Merlot.

Oltre al vitigno autoctono rosso regionale del frusinate, “Cesanese d’Affile” (il Cesanese del Piglio DOCG, il Cesanese di Affile DOC e il Cesanese di Olevano DOC), in queste zone si produce anche un ottimo bianco IGT come la Passerina del Frusinate. 

Anche i dolci ciociari non sono da meno.

In particolare modo il “Carnevale dei Lari”, che si terrà a Sora il 13 febbraio e il celebre “Carnevale di Pontecorvo”, previsto il 10 e l’11 febbraio, saranno due eventi imperdibile per assaporare le squisitezze locali. 

Tra queste: le “cicerchia” (ciambelline al vino), i “cecamarini” o “accecamariti” (strufoli) e le “nnocche” (frappe), tutti dolci legati alla festività carnevalesca.

Le ricette sono tramandate oralmente, di madre in figlia e rappresentano a pieno la semplicità della tradizione ciociara.

Tutto ciò, unito all’atmosfera di festa e all’entusiasmo con cui partecipano gli stessi cittadini, rendono il Carnevale Ciociaro un appuntamento imperdibile per chiunque desideri conoscere e gustare la storia e le prelibatezze del territorio. 

Condividi questa News

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su reddit
Condividi su whatsapp
Condividi su tumblr
Condividi su pinterest
Condividi su email

ECONOMIA&FINANZA

MONDO AGRICOLO

OCM/PSR/PAC

Categorie